Sanzioni per Enel ed Acea

I procedimenti istruttori erano stati avviati nel maggio 2017

Sanzioni per complessivi 109 milioni di euro ad alcuni dei maggiori operatori italiani di gas ed energia elettrica.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con la riunione del 20 Dicembre 2018, ha inflitto 93 milioni di euro per il gruppo Enel e oltre 16 milioni di euro per  il gruppo Acea. Per il gruppo A2A nessuna sanzione, non riscontrando elementi sufficienti per  accertare l’infrazione.

I procedimenti istruttori erano stati avviati nel maggio 2017 per condotte idonee ad alterare le dinamiche competitive nei confronti dei venditori non integrati.  Enel e Acea hanno sfruttato illegittimamente prerogative e asset, derivanti  dall’essere fornitori di maggior  tutela per traghettare la clientela già rifornita a condizioni regolate verso il mercato libero. Gli operatori hanno raccolto i consensi privacy dei clienti in tutela al fine di proposte commerciali mirate a far stipulare il passaggio al mercato libero. Enel da gennaio 2012 fino a Maggio 2017 e Acea dal 2014 fino a tutto il 2017.

Per i suddetti procedimenti l’Autorità ha avuto la collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust  della Guardia di Finanza.

Per maggiori dettagli consultare il sito di Agcm