Arrivano i facilitatori

L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico ha pubblicato oggi le modalità con cui opereranno i “facilitatori” sulla Tutela SIMILE.

Potranno svolgere questo ruolo associazioni di consumatori o di piccole imprese che aiuteranno i clienti a comprendere il funzionamento della Tutela SIMILE e a stipulare i contratti tramite il portale che sarà predisposto da Acquirente Unico.

Dovranno agire in maniera imparziale senza trarre vantaggio dalla loro posizione o alterare la concorrenza tra i fornitori, pena l’esclusione dall’elenco dei facilitatori approvati.

Per le loro attività, verranno remunerati con un corrispettivo forfettario per ciascun contratto di Tutela SIMILE stipulato tramite la loro assistenza.

Il compenso sarà pari a 15 € per i contratti domestici e 25 € per gli altri usi. L’importo sarà pagato dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali tramite il “Conto qualità dei servizi elettici e promozione selettiva degli investimenti”, alimentato dalla componente UC6 che tutti i consumatori pagano in bolletta e che all’anno costa circa 1,5 € a un cliente domestico medio.